Storia del cronometraggio

Scritto da Andy Ray Hall, giugno 2022

 

L'umanità si è sempre occupata di misurare e registrare il passare del tempo. La registrazione del tempo è stata fondamentale per lo sviluppo delle civiltà, dal sapere quando piantare o raccogliere i raccolti all'identificazione di eventi importanti durante l'anno. Le civiltà dagli antichi egizi all'impero romano hanno utilizzato metodi diversi per scoprire che giorno dell'anno è. Tuttavia, è sempre stato difficile per l'umanità primitiva misurare il tempo. La meridiana, che è forse il primo tipo di orologio che doveva indicare le ore del giorno, può essere fatta risalire a oltre 5,000 anni.

L'ora indicata su una meridiana era basata sul movimento del sole nel cielo. Questo era diverso durante le stagioni e ovviamente non funzionava nei giorni nuvolosi o di notte. Altri metodi come orologi ad acqua (Clepsydra), candele e clessidre servivano solo come indicazioni approssimative di brevi periodi di tempo e non potevano essere utilizzati per lo scopo per cui veniva utilizzata la meridiana.

 

 

Il pendolo

Il pendolo fu brevettato da Christian Huygens nel 1656, ma fu sperimentato per la prima volta nel 1602 da Galilei. L'orologio a pendolo ha ridotto la deviazione dell'ora a circa 15 secondi al giorno rispetto alla precisione meccanica esistente di 15 minuti al giorno. Gli scienziati, tra cui Isaac Newton, hanno studiato il pendolo e hanno contribuito a misurare accuratamente la forma della terra grazie alla forza del movimento.


 


Orologi da tasca

I primi orologi da tasca prodotti alla fine del XVI secolo mostravano solo l'ora. Fu solo nel 16 che le lancette dei minuti furono aggiunte agli orologi. Il primo secondo puntatore è apparso 1680 anni dopo, ma è diventato una pratica comune solo molto tempo dopo. L'orologio da tasca ha sostituito il vecchio orologio appeso. Si dice che questo cambiamento sia avvenuto dopo che Carlo II d'Inghilterra ha introdotto l'uso dei giubbotti. Quando l'orologio doveva essere indossato in una tasca invece di essere protetto in un ciondolo, la cassa dell'orologio veniva appiattita e curvata per evitare che gli spigoli vivi sporgessero e danneggiassero i vestiti. Il quadrante fu ricoperto di vetro nel 10 per proteggere le lancette da eventuali danni.

 


Proprietà di orologi

Nel 18° secolo la proprietà degli orologi divenne più diffusa. I produttori realizzavano orologi di tutte le forme e dimensioni, compresi i grandi box per auto e gli orologi da tavolo decorativi. Man mano che gli orologi divennero più comuni, seguì un maggiore sviluppo della tecnologia. Il primo meccanismo a carica automatica (orologio automatico) fu inventato nel 1770 da Abraham-Louis Perrelet Mass Production. Con gli aggiornamenti tecnologici nel 19° secolo, i produttori sono stati anche in grado di sviluppare i propri sistemi per la copiatura di utensili e macchine. La produzione di massa fiorì. I materiali più economici hanno permesso di produrre in serie orologi da taschino, rendendoli disponibili per la prima volta alla gente comune. La produzione di massa richiedeva anche un cambiamento nel modo in cui veniva caricata la molla principale degli orologi da tasca. A partire dal 1860 circa, l'avvolgimento della chiave fu sostituito dall'avvolgimento senza chiave. Ciò significava che l'orologio da tasca veniva caricato ruotando la corona, questo metodo è ancora utilizzato oggi.

 

Il primo orologio da polso

Gli orologi da polso sono stati effettivamente inventati negli anni '1570 del Cinquecento. tuttavia, qui venivano descritti come "orologi da braccio". Tuttavia, gli orologi da polso sono diventati popolari tra gli uomini nell'esercito. Nel 1880. Constant Girard di Girard-Perregaux produsse in serie 2,000 orologi da polso per ufficiali tedeschi della Marina.

L'aviatore brasiliano Alberto Santos-Dumont era alla ricerca di un orologio che gli permettesse di tenere entrambe le mani sul suo aereo mentre prendeva tempo sui suoi voli. Si rivolse al suo buon amico Louis Cartier per trovare una soluzione. Cartier e il suo orologiaio Edmond Jaeger hanno sviluppato l'orologio da polso Santos, che è diventato estremamente popolare e, insieme alla prima guerra mondiale, è attribuito a ciò che ha reso gli orologi da polso popolari tra gli uomini, superando infine gli orologi da tasca.


 

La storia di Eterna (ETA)

La storia di ETA inizia nel 1856 quando l'azienda viene fondata da Josef Girard e Urs Schild. Gorard si ritirò nel 1866 e vendette le sue azioni. Urs Schild morì a ETERNA, nel 1888, fu allora che Eterna fu rilevata dal fratello di Schild e dai suoi figli Max e Theodor. Theodor Schild voleva un marchio per la produzione dei propri orologi (Eterna) e per la produzione di parti di orologi per l'esportazione, quest'ultima diventando ETA SA. ETA SA è diventata uno dei primi produttori di movimenti automatici piuttosto che di manuali disegnati a mano, questo è uno dei motivi per cui ETA SA ha ancora oggi un grande rispetto nel settore. ETA sono noti per avere i loro movimenti in orologi di marchi di lusso come Omega, IWC e molti altri. Inoltre, i loro cavalli di battaglia: ETA 2824-2 e ETA 2892 così come il loro cronografo ETA / Valjoux 7750 sono molto rispettati nel settore.

 

I loghi vengono mostrati come rappresentazione a scopo didattico. 


Crisi del quarzo

Per secoli, gli orologi sono stati considerati un oggetto di lusso. Erano riservati all'aristocrazia e ad altri membri d'élite della società o erano usati per scopi funzionali nell'esercito e in altre occupazioni in cui era necessario dedicare tempo al proprio lavoro. Gli anni '1970 segnarono un periodo di transizione sia per l'industria orologiera svizzera che per l'industria orologiera nel suo insieme. Il giorno di Natale del 1969, il marchio di orologi giapponese Seiko ha introdotto il primo orologio da polso al quarzo al mondo: Astron.

Invece di un movimento meccanico o automatico, aveva un movimento a batteria. Iniziò così quella che è nota come la crisi del quarzo. Oltre all'attrattiva della nuova tecnologia dall'aspetto futuristico, gli orologi al quarzo hanno rapidamente guadagnato terreno grazie al loro prezzo e alla loro durata. Non solo erano più economici della maggior parte degli orologi meccanici o automatici, ma erano anche sorprendentemente robusti e in realtà più precisi dei meccanici. E sebbene la fabbricazione di orologi meccanici e automatici fosse diventata molto più rapida che ai vecchi tempi, quando gli orologi erano realizzati esclusivamente a mano, gli orologi al quarzo erano ancora molto più facili e quindi più veloci da produrre. C'era il panico nell'industria orologiera svizzera e nell'industria orologiera nel suo insieme. Temevano che la crisi del quarzo potesse significare la fine di secoli di tradizioni orologiere, una preoccupazione che non era infondata. Seiko non è stato solo il primo produttore di orologi a lanciare la tecnologia al quarzo, ma anche il leader assoluto nel settore. Nel 1977 era diventata la più grande azienda di orologi al mondo in termini di fatturato, per un totale di circa $ 700 milioni con una produzione di circa. 18 milioni di pezzi. Il successo di Seiko alla fine ha costretto l'industria orologiera svizzera a rivalutare e cambiare i suoi metodi. In prima linea in questa operazione di salvataggio c'erano: Ernst Thomke e Nicolas G. Hayek Thomke si occuparono della ristrutturazione di ASUAG, uno dei più grandi gruppi dell'industria orologiera svizzera dell'epoca. Il suo lavoro di razionalizzazione, riorganizzazione e riduzione dei costi di produzione ha portato il primo barlume di speranza per l'industria orologiera svizzera dall'inizio della crisi del quarzo. Ma il suo lavoro non è bastato. Le banche svizzere sono state ancora costrette a salvare l'industria dell'orologeria nel tentativo di salvare la terza industria di esportazione del paese. Hayek ha proposto una fusione tra i due maggiori gruppi dell'industria orologiera svizzera, ASUAG e SSIH, per formare quello che oggi è noto come Swatch Group. Sotto Swatch Group, a questo punto si doveva trovare ETA SA e divenne una grande risorsa. Nel 1982 fu rilasciato il primo Swatch al mondo, era un concorrente diretto e forse più eccitante degli orologi al quarzo di Seiko. Lo Swatch è stato sviluppato da due persone ETA ed è solo un altro segno dell'innovazione e della qualità di ETA. Non passò molto tempo prima che gli orologi Swatch vendessero centinaia di milioni di copie e facessero davvero la differenza nel rapporto di potere tra Svizzera e Giappone. Oggi i movimenti meccanici, automatici e al quarzo hanno trovato il modo di convivere nell'industria dell'orologeria. Ciò ha portato più persone a dedicarsi agli orologi, poiché spesso diventano parte di questo hobby attraverso gli orologi al quarzo più economici. In definitiva, la crisi del quarzo ha aiutato l'industria orologiera a diventare più efficiente e flessibile in termini di sviluppo tecnologico.